Se morire in mare diventa una pacchia

La pacchia è finita, dice Salvini, in riferimento ai migranti.
Eh già, perché è indubbiamente una pacchia morire per la guerra o la fame nei propri Paesi d’origine, annegare in mare, essere torturati e uccisi nei campi di detenzione libici ed essere sfruttati come schiavi in Italia, dove magari ti sparano anche in testa perché hai preso due lamiere per sistemare la baracca dove vivi.
Qualcuno ricordasse al neoministro degli Interni che la campagna elettorale è finita, perciò ora è tempo di governare e non di continuare a fare propaganda sulla pelle dei migranti.
Ah, un’altra cosa: si vergognasse, ma proprio tanto, di spargere odio a palate!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...