Qualche riflessione sul voto delle amministrative

 

Il risultato delle amministrative impone che si apra una riflessione all’interno del PD: abbiamo perso a Roma e a Torino, dove hanno prevalso le due candidate del M5S, rispettivamente Virginia Raggi e Chiara Appendino, e a Napoli, che ha visto la riconferma del sindaco uscente De Magistris, con la nostra candidata Valeria Valente neppure arrivata al ballottaggio. Le vittorie di Virginio Merola a Bologna e di Beppe Sala a Milano, pur da considerarsi in maniera positiva, non possono però cambiare un trend che è stato quindi negativo. Mi voglio brevemente soffermare sulla situazione delle 4 maggiori città italiane: Roma, Milano, Napoli e Torino, tutte chiamate alle urne in questa tornata elettorale.

Il risultato di Roma era abbastanza scontato, dato che i romani dopo la Giunta Alemanno e quella Marino, hanno voluto evidentemente dare un segnale di chiara discontinuità. Giachetti è stato molto bravo, ha condotto bene la campagna elettorale, ma gli errori del PD romano sono naturalmente antecedenti a lui e forse anche a Marino, il quale avrebbe dovuto essere maggiormente appoggiato dal partito, che, accelerando e favorendo la sua caduta, ha di fatto consegnato la città al M5s, cosa prevedibilissima.

Milano si trova di nuovo ad essere governata dal centro-sinistra sia per i buoni risultati conseguiti in questi anni da Pisapia, che per il clima unitario creatosi intorno alla figura di Beppe Sala, che è riuscito a convogliare su di lui in maniera netta tutte le forze di sinistra.

A Napoli il Pd locale deve, a mio avviso, rinnovarsi e ha tutte le possibilità di farlo, perché dispone dell’entusiasmo e delle energie di tanti giovani che negli ultimi anni si sono impegnati con passione e dedizione in tante battaglie, senza ottenere il giusto spazio e riconoscimento: ecco credo che ora sia arrivato il loro momento, non è più possibile procrastinare, se si ha davvero a cuore il partito.

Torino è un caso atipico, qui infatti non mi aspettavo la sconfitta, perché Fassino ha lavorato bene, ma a questo punto è probabile che bocciando lui si sia voluto mandare un messaggio al Pd nazionale e che su Chiara Appendino, al ballottaggio, siano confluiti i voti di Lega e centro-destra, altrimenti non avrebbe potuto recuperare lo svantaggio del primo turno e, si sa, almeno la matematica non è un’opinione.

Voglio aggiungere qualche altra breve considerazione, partendo da questi dati, ma sicuramente estendibile a tutte le realtà in cui il PD opera, dal livello nazionale al locale. In primis credo sia assolutamente necessario ritornare a stare di più tra la gente, concentrarsi maggiormente sui problemi reali, concreti dei cittadini, che non si appassionano certo alle nostre beghe interne, ma vogliono un confronto sui temi, una discussione sulle varie proposte e soluzioni, insomma si deve tornare a presidiare i territori e bisogna farlo in fretta, prima che sia troppo tardi.

In secundis questa personalizzazione del dibattito interno, per cui chi sostiene un’opinione diversa rispetto a quella della maggioranza è da additare quasi come un nemico, da stigmatizzare o, peggio ancora da deridere (i ciaone di Carbone docet), deve cessare, altrimenti quest’atteggiamento arrogante, da chi non è con me è contro di me, rischia seriamente di ritorcersi contro tutto il partito, dal momento che il muro contro muro non ha mai portato a nulla di buono.

Infine un’ultima riflessione sul sistema elettorale, dato che i ballottaggi dei sindaci ripropongono sostanzialmente il meccanismo dell’Italicum. Siamo sicuri di non volerlo modificare per nulla, pur comprendendo che così al ballottaggio chi ha perso potrebbe inevitabilmente, con alleanze strane ed accozzaglie eterogenee, determinare il vincitore delle elezioni, in base alla logica non del votare per qualcuno/qualcosa, ma contro qualcuno? Io direi che dobbiamo rifletterci bene, per cui… meditiamo gente…meditiamo, che gli argomenti di riflessione non ci mancano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...